Pulitura metalli: i vantaggi della robotica industriale per fonderia

Pulitura dei metalli: i vantaggi della robotica industriale

Così, l’automazione aiuta l’industria nella preparazione dei metalli alle lavorazioni finali

Effettuare la pulizia dei metalli nel modo giusto è fondamentale per assicurar loro maggiore resistenza e prepararli a successive lavorazioni.

Per questo è importante sapere quali sono le procedure da eseguire e conoscere i metodi che garantiscono i risultati migliori. In questo articolo ti spiegherò perché la robotica industriale per fonderia ti consentirà di raggiungere la perfezione nella pulitura dei componenti metallici.

Pulitura dei metalli: le tre fasi imprescindibili

Se lavori nel settore della lavorazione e produzione di pezzi metallici, sarai ben conscio dell’importanza che ricoprono certe operazioni, in particolare quelle che precedono i processi di applicazione di uno strato superficiale come la zincatura, la cromatura, la stagnatura, ecc.

Affinché queste procedure vengano portate a compimento in maniera efficiente e con un risultato impeccabile, è assolutamente necessario provvedere all’eliminazione di eventuali graffi, imperfezioni e incisioni dalla superficie dei componenti.

Tutto ciò è necessario per sgrezzare i pezzi e rendere la loro superficie omogenea, a prescindere dal fatto che debbano essere lisci o satinati. Per ottenere tale risultato, è necessario sottoporre i metalli a tre distinti trattamenti:

  • la molatura,
  • la smerigliatura;
  • la spazzolatura e la lucidatura.

La molatura è necessaria per eliminare dai pezzi metallici le irregolarità più grossolane, come le bave di colata, gli spigoli, le sporgenze e i noduli; il processo viene eseguito con dei dischi o nastri abrasivi. La smerigliatura prevede sempre l’utilizzo di un disco abrasivo, ma di grana più sottile, e serve a rifinire il passaggio precedente.

Leggi anche: Automazione e robotica: in che modo migliorano i processi lavorativi

L’ultima fase, quella di spazzolatura e lucidatura, prevede l’uso di spazzole di vario tipo e composizione (ne esistono con fili metallici e con fili vegetali); lo scopo di questo processo lavorativo è donare alla superficie dei metalli un aspetto uniforme, lucido e luminoso. Non a caso, questa fase viene denominata anche come ‘lucidatura a specchio‘.

I limiti del lavoro manuale in questi processi (ma anche in altri lavori di finitura)

Queste lavorazioni, come ben saprai, richiedono una certa manualità sia qualora esse vengano eseguite con utensili a presa manuale sia nel caso in cui si utilizzino macchinari. Tuttavia, nel lungo percorso che porta i pezzi metallici dallo stato grezzo post fusione alle condizioni ideali ci sono svariati procedimenti, inclusi quelli di finitura e sbavatura, due dei quali (molatura e smerigliatura) sono già stati citati.

I principali sono:

  • il taglio delle materozze;
  • la nastratura;
  • la carteggiatura;
  • la limatura.

Tutte queste lavorazioni, se eseguite manualmente dagli operai, includono problemi e rischi. Pensa, per esempio, alle tempistiche di realizzazione: affidando tutti questi compiti agli operai, è impossibile rispettare un ritmo di lavoro costante, dato che l’uomo – per natura – non è in grado di realizzare un tot di pezzi in un tempo ciclo sempre uguale.

I risultati della spazzolatura dell'alluminio con un'isola robotizzata

Un altro aspetto limitante dei processi manuali è quello inerente alla qualità e standardizzazione; poiché gli operai sono soggetti a cali di rendimento e di concentrazione, non possono assicurare risultati impeccabili su ogni pezzo, il che comporta sprechi di materiale, pezzi difettosi e piccole imprecisioni.

Da non trascurare, inoltre, la sicurezza: adoperando utensili e macchinari potenzialmente pericolosi, gli operatori sono esposti al rischio di incorrere in infortuni e incidenti talvolta gravi.

Insomma, tra un ambiente di lavoro non del tutto sicuro e le lamentele dei clienti per i ritardi sulle consegne e per la presenza di componenti che presentano imperfezioni, non avrai mai la giusta serenità.

Fortunatamente, esiste una soluzione a tutti questi problemi.

Macchine per la lucidatura dei metalli in un’unica isola robotizzata da sbavatura

Se vuoi che il reparto destinato alle lavorazioni di pulitura, sbavatura e taglio dei metalli diventi altamente sicuro e produttivo, inserire un’isola per la sbavatura robotizzata è la mossa giusta. Il ricorso all’automazione ti consentirà di svolgere tutte le fasi lavorative in tempi ciclo precisi e con elevati standard qualitativi e di sicurezza.

Le macchine da sbavatura per fonderia automatizzate, infatti, operano in base a impostazioni predefinite rispettando determinate tempistiche e parametri, e le operazioni vengono eseguite interamente all’interno di una cella chiusa e isolata dall’esterno.

Leggi anche: Automazione: i pro e contro della robotica applicata all’industria

Quindi, oltre all’ottimizzazione della produzione, otterrai anche un netto miglioramento dell’ambiente di lavoro: i tuoi dipendenti correranno meno rischi e potranno essere formati e destinati a nuove mansioni.

In conclusione

Come avrai compreso, sia per le fasi finali di pulitura e lucidatura sia per i processi lavorativi post fusione, i robot assicurano risultati eccellenti.

Ti piacerebbe conoscere le caratteristiche delle nostre isole robotizzate e capire perché si distinguono rispetto alla concorrenza? Noi di Trebi siamo operativi nel campo dell’automazione della finitura e sbavatura metalli da più di trent’anni, e il nostro team di progettisti e ingegneri può rispondere alle tue domande e presentarti la soluzione giusta per te.

Contattaci per una consulenza gratuita!