Fusione in sabbia alluminio? Addio problema sbavature, ecco come!

Fusione in sabbia dell'alluminio: come procedere alle sbavature

Scopri come ottimizzare al meglio la produzione di componenti in alluminio colati in sabbia.

Se sei attivo nel settore della fonderia saprai bene che in base ai tipi di lavorazione, ai metalli utilizzati e ad altre peculiarità specifiche si ricorre a diversi metodi di fusione.

Poiché la nostra azienda lavora a stretto contatto con questo settore, nello specifico nella realizzazione di robot per sbavatura, ci capita spesso di confrontarci con i professionisti della fonderia e di acquisire informazioni importanti circa i metodi di colata, le tecniche di realizzazione degli stampi ecc.

Se ti stai avvicinando a questo mondo e in particolare ti interessa la fusione dell’alluminio in sabbia, continua a leggere.

Perché utilizzare la sabbia per lo stampaggio dell’alluminio.

Questo metodo di fusione è senza dubbio tra i più utilizzati in fonderia, non solo per l’alluminio ma anche per altri metalli, ed è la naturale evoluzione della tecnica a cera persa.

Il procedimento è molto simile a quello della fusione in terra, ma a differenza di quest’ultimo consente di ottenere risultati qualitativamente più precisi e meno grezzi. Infatti gli stampi in terra a staffa determinano una rugosità delle superfici molto accentuata ed inoltre non sono riutilizzabili.

Le forme realizzate con sabbia verde o qualsiasi altro tipo di mix di materiali e resine che vanno a compattare la sabbia silicea per fonderia, garantiscono un risultato meno rugoso e possono essere riutilizzate per numerose colate di alluminio.

Questo metodo è abbastanza economico e tra i suoi vantaggi più evidenti ci sono anche:

  • la versatilità;
  • la possibilità di realizzare componenti complesse;
  • l’applicabilità a diverse leghe metalliche.

Quand’è che dovresti considerare questo tipo di fusione?

Leggi anche: Isola Robot: cos’è e quali caratteristiche deve avere per essere sicura ed efficiente

Naturalmente il ricorso a questo metodo è strettamente legato al tipo di produzione che devi portare avanti nella tua fonderia. Ad esempio, se devi produrre una quantità esigua di pezzi, quindi non in larga scala, la fusione in sabbia è un metodo che dovresti considerare. Allo stesso modo questa tecnica si sposa bene con la realizzazione di pezzi di dimensioni molto grandi.

Per altri modelli di produzione di componenti metalliche in fonderia, sia per quantità che per dimensioni e numero di dettagli, sono più appropriate altre tecniche, come ad esempio la fusione a conchiglia.

Il metodo migliore per procedere alla finitura dei pezzi in alluminio.

A prescindere dal fatto che nella tua fonderia utilizzi uno o più metodi di fusione (questo dipende dalla vastità della tua produzione e dai clienti per cui lavori), una volta creati i getti c’è un’altra fase molto importante da curare: quella della finitura.

Processi come il taglio delle materozze, la carteggiatura, la sbavatura, la limatura e tanti altri costituiscono parte integrante della filiera produttiva.

Cos'è la fusione in sabbia dell'alluminio

In seguito ad una colata per gravità in stampi di sabbia, le imperfezioni da eliminare e i dettagli da rifinire sono tanti e molte aziende ricorrono ancora a macchine da sbavatura per fonderia manuali. Una simile impostazione però ha diversi limiti:

  • tempi di realizzazione variabili e non performanti;
  • qualità media dei risultati non standardizzata;
  • presenza di parti difettose;
  • pericoli per l’incolumità degli operatori.

Per queste ragioni molte fonderie stanno provvedendo all’automazione della sbavatura e finitura metalli ricorrendo alla robotica industriale per fonderia.

Infatti con la sbavatura robotizzata puoi acquisire da subito diversi vantaggi rispetto ai tuoi concorrenti, dal momento che non solo ti si apre la possibilità di rendere maggiormente autorevole e produttiva la tua fonderia, con tempistiche sempre precise e slegate da imprevisti o defezioni degli operatori, ma anche di uniformare la produzione e rendere l’ambiente di lavoro più sicuro.

Oltre a migliorare complessivamente il modo di lavorare al suo interno, con l’inserimento di un’isola robot per la sbavatura potrai ridurre notevolmente i costi di produzione alla lunga distanza.

Ma al di là di questo, prova ad immaginare come ti vedrebbero dei potenziali nuovi clienti nel constatare che la tua è una fonderia 2.0 in ogni aspetto della produzione. La tua competitività toccherebbe livelli impensabili rispetto ad un’impostazione old school, anche perché viviamo in un periodo storico in cui non fare un passo avanti equivale ad annaspare.

E tu non vuoi annaspare, giusto?

Leggi anche: Macchine per pressofusione alluminio usate: ecco perché non ti aiutano a risparmiare

Vuoi automatizzare la sbavatura per i tuoi processi di fusione a colata? Fallo con Trebi!

Se vuoi dare una svolta all’operatività della tua fonderia e allinearti sempre più ai parametri di Industria 4.0 (sfruttando peraltro i diversi incentivi e agevolazioni fiscali dedicati a chi opta per la transizione industriale), noi di Trebi possiamo darti una mano.

Da più di 30 anni infatti siamo attivi nella progettazione e produzione di isole robot per i processi di sbavatura e finitura metalli e il fatto che ci siamo focalizzati sul mondo della fonderia ha fatto si che la nostra azienda abbia sviluppato un know-how specifico.

Oltre ad elaborare modelli standard di isole robot possiamo inoltre progettare da zero modelli studiati appositamente per le esigenze specifiche dei nostri clienti, o adattare i nostri in base ai singoli casi. Oltretutto forniamo affianchiamo il cliente con una formazione scrupolosa in fase di avviamento e garantiamo assistenza da remoto.

Sei curioso di sapere cosa possiamo fare per te?

Non esitare a chiedercelo.

Contattaci ora per una consulenza!