Pressatura isostatica a caldo: cos’è e come migliora i metalli

Pressatura isostatica a caldo

Ecco come questo trattamento termico ottimizza le proprietà delle leghe metalliche

Se lavori nel settore della fonderia, indubbiamente sei a conoscenza di numerosi processi lavorativi attraverso i quali le caratteristiche dei metalli vengono modificate e migliorate. Tuttavia, potresti avere dei dubbi riguardo a un procedimento molto importante per la resistenza dei metalli.

Vuoi sapere cos’è la pressatura isostatica a caldo? In questo articolo ti spiegherò in cosa consiste questo trattamento e perché è così richiesto.

Come avviene la pressatura isostatica a caldo e che effetti ha

Uno dei trattamenti eseguiti su alcuni metalli, nonché sui ceramici, è la tecnica HIP (hot isostatic pressing), ovvero la pressatura isostatica a caldo.

Questo processo manifatturiero mira a ridurre la porosità dei materiali trattati e a migliorarne la densificazione tramite l’azione esercitata da un gas in un ambiente caldo e pressurizzato. Gli effetti benefici di tale trattamento sul cuore e sulla superficie dei metalli trattati determinano l’eliminazione di alcuni difetti derivanti dalla fusione, come le microfratture, e migliorano le proprietà meccaniche.

In seguito alla pressatura isostatica a caldo, dunque, si ottiene una maggiore resistenza alla trazione e alla frattura, nonché un aumento della duttilità, con il risultato finale di una maggiore durata del materiale e di una semplificazione dei processi di formatura.

Questo tipo di trattamento è particolarmente richiesto nella produzione delle parti meccaniche per l’industria automobilistica e aerospaziale, nell’industria bellica, nella produzione di stampi e utensili di vario genere, nella produzione di componenti destinate all’uso sanitario e nel settore Oil & Gas.

Leggi anche: Trattamenti termici alluminio: cosa sono e a cosa servono

Insomma, si tratta senza dubbio di una procedura molto utile, in molti casi imprescindibile; tuttavia, la tecnica HIP non garantisce la produzione di oggetti dalla meccanica perfetta se non supportata da un adeguato processo di finitura.

Perché la pressatura isostatica a caldo non è sufficiente a produrre pezzi metallici di qualità

Non credo di dirti niente di nuovo quando affermo che una delle fasi principali della filiera produttiva della fonderia è quella dedicata al taglio, alla sbavatura e a tutte le lavorazioni a essa legate, ovvero:

  • la smerigliatura;
  • la limatura;
  • la carteggiatura;
  • la nastratura;
  • la foratura.

Rifinire i componenti metallici prodotti mediante fusione a colata o pressofusione è fondamentale per esaltare i benefici apportati dalla pressatura isostatica. In molte fonderie, però, questi processi lavorativi sono segnati da una serie di problemi e disagi.

Sbavatura robotizzata dopo un trattamento termico

Se non sei ancora passato all’automazione della finitura e della sbavatura dei metalli, probabilmente hai a che fare quotidianamente con tempi ciclo inaffidabili, imprecisioni diffuse e sprechi di energia e di materiale. Inoltre, i tuoi operai sono costantemente a rischio di infortuni e incidenti. E, questo, a causa degli stessi fattori fisiologici che determinano l’impossibilità di realizzare lavorazioni impeccabili in tempistiche precise, ovvero:

  • stress;
  • distrazione;
  • calo della concentrazione;
  • stanchezza fisica e mentale.

Che vuoi farci? Purtroppo, questo scenario è inevitabile. Il problema è che, allo stato attuale, lo stesso servizio che offri tu lo propongono anche tante fonderie straniere (cinesi, soprattutto) a prezzi molto più bassi dei tuoi. Davanti alla prospettiva di continuare a vedere ritardi sulle consegne e pezzi difettosi, i tuoi clienti possono optare per:

  • affidare la loro produzione a chi garantisce tempistiche precise e lavorazioni qualitativamente perfette;
  • oppure continuare ad affrontare i soliti disagi, ma a prezzo inferiore.

Dal momento che tu non puoi assolutamente svalutare il tuo lavoro, dovresti iniziare a valutare l’inserimento di un’isola per la sbavatura robotizzata.

Con i robot puoi ottimizzare la produzione di componenti metallici

Se desideri snellire la fase di finitura e sbavatura e migliorare in maniera sostanziale i processi lavorativi all’interno della tua azienda, ricorrere alla robotica industriale per fonderia è la mossa migliore che tu possa fare.

Le macchine per la sbavatura da fonderia automatizzate ti consentiranno di regolarizzare e accorciare i tempi ciclo e di standardizzare la produzione; i robot, infatti, seguono le impostazioni di un software che consente loro di rifinire ogni pezzo allo stesso modo, senza sprechi di materiale o errori di sorta.

Leggi anche: Laminazione a caldo dell’acciaio: ecco come funziona

Insomma, se un cliente ti chiederà 1.000 pezzi per il giorno x all’ora y, sarai finalmente in grado di assicurargli la consegna, con la garanzia di produrre 1.000 pezzi identici tra loro.

Non solo.

Affidando queste lavorazioni ai robot, potrai finalmente godere di una tranquillità maggiore dal punto di vista della sicurezza; i tuoi operatori, infatti, non rischieranno più di incorrere in incidenti sul lavoro e potranno essere destinati a mansioni meno logoranti e, soprattutto, più produttive per l’azienda.

In conclusione

In questo articolo ti ho spiegato cos’è e a cosa serve il trattamento di pressatura isostatica a caldo chiarendo, però, che i suoi benefici sono realmente tangibili solo se i pezzi metallici vengono sottoposti anche ad altre procedure.

Vorresti conoscere meglio le funzionalità e i benefici dei robot per la sbavatura? Noi di Trebi siamo specializzati nella progettazione e realizzazione di isole robotizzate e il nostro team di esperti è disponibile a darti tutte le informazioni che desideri.

Clicca qui per parlare con noi!