Trattamenti meccanici superficiali dei metalli: il presente è nell’automazione robotica

Ecco quali sono i trattamenti meccanici superficiali dei metalli

Ecco perché automatizzare i processi di lavorazione superficiale dei metalli è una mossa da fare ora.

Nella produzione dei metalli sono inclusi diversi trattamenti superficiali, molti dei quali vengono eseguiti in fonderia immediatamente dopo la fusione.

La robotica industriale per fonderia, in questo senso, ha apportato diversi vantaggi, rendendo l’automazione della sbavatura e finitura dei metalli una pratica sempre più diffusa.

Se ambisci a rendere la tua azienda più produttiva nell’immediato, dovresti smettere di considerare la sbavatura robotizzata come un “qualcosa in più“, ma come una vera e propria base da cui partire.

Scopriamo il perché…

Sbavatura e finiture primarie: è qui che senza i robot nascono i primi problemi.

Quando un metallo fuso viene inserito all’interno di uno stampo, al termine del processo di fusione il pezzo che viene prodotto è ancora lontano dall’esser pronto alla vendita e all’uso.

Bave di colata, imperfezioni superficiali (un’eccessiva o insufficiente rugosità), materozze e residui chimici della fusione rendono necessarie diverse lavorazioni di finitura, come:

  • sbavatura;
  • limatura;
  • carteggiatura;
  • nastratura;
  • sabbiatura;
  • taglio delle materozze.

Ognuna di queste azioni ha uno scopo specifico nell’iter di lavorazione che porta un oggetto metallico dallo stato grezzo a quello rifinito, e per portarle a termine è necessario l’utilizzo di diverse macchine da sbavatura per fonderia e utensili.

Tuttavia, nel momento in cui una fonderia riceve richieste per ingenti quantità di pezzi in un determinato lasso di tempo, diventa difficile, per non dire impossibile, soddisfare le aspettative dei clienti se non si dispone dei robot per la sbavatura.

Tutti questi trattamenti, infatti, se eseguiti dagli operatori, sono soggetti a tempistiche inaffidabili e a un’inevitabile presenza di imprecisioni e difetti.

Per garantire una produzione in serie di componenti in acciaio, in ottone o in alluminio, occorre ovviare a fattori fisiologici che influenzano il lavoro umano come la stanchezza, l’usura e lo stress.

Leggi anche: Direttiva Atex: come rispettarla incrementando la produttività

Se oltre alla quantità, poi, è richiesta anche una qualità superiore nelle finiture di oggetti particolarmente complessi, in cui la precisione richiesta è estrema, i limiti del lavoro umano si manifestano ancora di più.

Diventa ovvio, quindi, analizzare in che modo i robot rendono questi trattamenti precisi e impeccabili a livello di tempistiche e qualità.

Cosa ottieni automatizzando tutti questi trattamenti meccanici nella tua fonderia.

Se l’obiettivo di una fonderia è quello di intensificare la produzione e avere accesso a commesse qualitativamente più impegnative, il fattore tempo è uno dei principali a cui apportare miglioramenti.

Non si parla solo di velocità, ma più che altro di regolarità. Per evitare rallentamenti o blocchi alla filiera è importante che ogni fase, dalla prima all’ultima, mantenga una cadenza regolare, e i robot consentono di far acquisire questa peculiarità alla tua azienda.

Essi, infatti, non sono suscettibili alle dinamiche tipicamente umane menzionate in precedenza: un robot non si stanca, non si distrae, non ha un ritmo o una sensibilità diversa rispetto all’operatore del turno successivo.

In poche parole, se con il lavoro umano il tempo ciclo subisce inevitabilmente variazioni, con i robot invece è sempre identico, e questo ti permette di mantenere sempre gli impegni presi col cliente circa le date di consegna.

Finitura superficiale dei metalli con robot

Un’altra caratteristica importante della sbavatura automatizzata è quella della standardizzazione. In una produzione in serie è fondamentale che ogni componente prodotto sia uniforme a un modello ideale, e dal momento che un robot è guidato da un software impostato a determinati parametri, il risultato è sempre il medesimo.

Inoltre, proprio poiché le impostazioni sono standard, la presenza di imprecisioni e difetti non è contemplata. Questo non solo evita sprechi e perdite di tempo, ma in più determina una totale soddisfazione del cliente.

Oltre a questo, internamente all’azienda si registra un notevole miglioramento del lavoro anche in termini di sicurezza. Infatti, poiché le operazioni più logoranti e rischiose per l’incolumità dei lavoratori vengono automatizzate, per gli operatori c’è l’opportunità di svolgere mansioni più sicure e produttive all’interno della fonderia.

Altri trattamenti superficiali protettivi per cui non puoi privarti dell’automazione.

In base all’utilizzo e alle particolarità di ogni singolo oggetto o metallo, in seguito a questi trattamenti se ne rendono necessari degli altri, talvolta di natura chimica, talvolta meccanica.

Gran parte di questi trattamenti mira a migliorare l’aspetto degli oggetti dal punto di vista estetico o ad aumentarne la resistenza mediante l’applicazione di rivestimenti metallici.

I più diffusi sono:

  • la brunitura;
  • la ramatura;
  • la zincatura;
  • la stagnatura;
  • la cromatura;
  • la lucidatura.

La brunitura e la cromatura migliorano l’aspetto estetico di molti oggetti metallici, anche se la prima ha anche una funzione anticorrosione.

La ramatura, la zincatura e la stagnatura sono processi utilizzati prevalentemente per proteggere oggetti metallici dalla corrosione e consistono in un vero e proprio bagno in un metallo fuso (rame, zinco o stagno) al fine di creare una pellicola protettiva a livello superficiale.

Leggi anche: Impianti trattamenti superficiali e finiture metalli: 3 ragioni per scegliere l’automazione

La lucidatura è un trattamento meccanico superficiale che viene eseguito per donare a un pezzo metallico una superficie completamente liscia e pulita.

Tutte queste lavorazioni vengono eseguite nella fase finale, e affinché possano essere impeccabili è molto importante che tutti i processi di finitura antecedenti vengano svolti alla perfezione.

In conclusione.

Se vuoi ottenere questa perfezione e dare una svolta alla tua azienda, affidati all’esperienza di Trebi.

La nostra azienda è leader nella progettazione e produzione di isole robotizzate per i trattamenti superficiali di finitura dei metalli, e rappresenta la scelta vincente se miri a rivoluzionare la tua azienda.

Il nostro team elabora continuamente soluzioni personalizzate per diversi tipi di fonderia, cercando sempre di andare incontro alle esigenze del cliente.

Contattaci subito per una consulenza!