Impianti robotizzati: così i robot per fonderia agevolano la finitura

Impianti robotizzati per fonderia

Sbavare i metalli con l’aiuto della robotica è la soluzione ai tuoi problemi

Lavorare in fonderia oggi è complicato come fondere l’alluminio con una candela. (“Mah, ci sto provando da tre ore ma, per adesso, l’unica cosa che ho fuso è la cera!”)

Senza ricorrere alle nuove tecnologie è difficile tener testa alle nuove necessità dei mercati e a un livello di concorrenza sempre più alto, e il rischio è quello di vedere la tua azienda ridimensionata o, peggio, fallita.

Vorresti evitare una simile eventualità e risolvere il problema della sbavatura?

In questo articolo ti spiego perché, per farlo, dovresti inserire un robot in fonderia.

I tipici problemi della sbavatura senza un robot industriale

Nel settore della fonderia ci si imbatte quotidianamente in una moltitudine di problemi di ogni tipo. Ma c’è un processo in particolare che, se non curato adeguatamente, può determinare in maniera decisiva il futuro di un’azienda operante in questo ambito.

Sto parlando della sbavatura e, in generale, della finitura dei metalli. Se hai a che fare con la produzione di pezzi metallici e non sei ancora passato all’automazione della sbavatura, probabilmente hai a che fare con i grattacapi di cui sto per parlarti, ovvero quelli tipici della sbavatura manuale.

Quando ci si affida a questa tecnica, generalmente si opta per girare il lavoro a un terzista o per creare delle postazioni dedicate alla sbavatura all’interno della fonderia stessa.

Nel primo caso, i problemi più frequenti riguardano le tempistiche di consegna, la qualità del prodotto finito e, soprattutto, il dispendio economico.

Se ti affidi ai tuoi operai per la sbavatura manuale dei pezzi prodotti, invece, i problemi principali con cui ti ritrovi a dover fare i conti sono:

  • un tempo ciclo mai definito;
  • la presenza sistematica di imprecisioni e pezzi difettosi;
  • l’impossibilità di creare prodotti standardizzati;
  • il rischio di problemi di salute e di incidenti sul lavoro.

Leggi anche: Shot peening e bave che resistono: ecco come comportarsi

Insomma, dovunque ti giri rischi di trovare casini e, dato che la concorrenza estera è sempre più agguerrita e che le esigenze dei clienti sono sempre più specifiche, perdere lavori e fatturato è più che un’eventualità.

I vantaggi della sbavatura con gli impianti robotizzati

Per far sì che la sbavatura smetta di fare da tappo alla tua produzione ma, anzi, si trasformi nel processo lavorativo più fluido ed efficace all’interno della tua fonderia, dovresti strizzare l’occhio alla robotica industriale.

Inserendo degli impianti robotizzati di sbavatura avresti accesso a numerosi benefici, che ti consentirebbero di incrementare la qualità e la quantità della produzione, oltre a migliorare in maniera netta l’ambiente lavorativo.

Pensa al tempo che risparmieresti se per eseguire lavori come smerigliatura, sbavatura e taglio delle materozze non fosse necessario passare per tre reparti diversi, bensì fosse sufficiente un’unica postazione. Un’isola per la sbavatura robotizzata è in grado di rifinire un pezzo metallico in un ciclo unico, impiegando sempre lo stesso intervallo temporale, cosa impossibile con la sbavatura manuale.

Robot per fonderia Trebi

Oltre a quello del tempo ciclo, risolveresti anche il problema delle imprecisioni e delle differenze tra i vari pezzi: i robot, infatti, sono guidati da software che assicurano un risultato sempre in linea con i parametri predefiniti. Addio, dunque, ai pezzi difettosi, agli sprechi e, naturalmente, alle lamentele dei clienti.

Anche sul fronte sicurezza, argomento sempre in primo piano nel mondo industriale, faresti un balzo in avanti sostanziale. Le macchine da sbavatura automatizzate libererebbero i tuoi operai dal rischio di incorrere in guai fisici dovuti alla ripetitività di movimenti logoranti e in incidenti sul lavoro, e potresti affidar loro mansioni più sicure e utili alla produttività.

Dato che i buoni motivi per passare alla sbavatura con robot non mancano, ci tengo a parlarti un po’ di Trebi.

Progettazione dei robot antropomorfi: così, Trebi aiuta i propri clienti

La nostra azienda è attiva da oltre trent’anni nel settore della robotica per fonderia, e durante tutto questo tempo abbiamo sempre lavorato per poter offrire ai nostri clienti le soluzioni migliori. Per questo, la progettazione è una fase a cui attribuiamo grande valore.

Il nostro team di ingegneri ha dato vita a diversi modelli standard di isole robot caratterizzati da una grande versatilità: in base alle esigenze di ogni singolo cliente, infatti, è possibile applicarvi delle modifiche sia a livello di utensili, sia per quanto riguarda il range di peso e dimensioni dei componenti da trattare.

In questo modo, investire nell’automazione rappresenterà una soluzione definitiva al problema della sbavatura.

Ti farà piacere sapere, inoltre, che le nostre isole sono cabinate, e dotate di sistemi di areazione e isolamento acustico rigorosamente in regola con le normative vigenti, incluse le direttive ATEX (Atmosphères and Explosives).

Leggi anche: Robotica collaborativa: cos’è e quando può migliorare il tuo business

Tra le qualità che ci contraddistinguono, e che vengono particolarmente apprezzate dai nostri clienti, c’è anche l’assistenza. Sia in fase di avviamento dei macchinari, sia in un secondo momento, il nostro team è sempre disponibile ad aiutare il cliente (anche da remoto) a risolvere eventuali problemi o a trovare nuove soluzioni.

In conclusione

In questo articolo ti ho voluto parlare dei benefici che potresti ricavare dall’inserimento di un’isola robotizzata per la sbavatura nella tua fonderia.

Tuttavia, dato che sei attivo in questo settore, ti interesserà sapere nel dettaglio come vengono eseguite certe lavorazioni dai robot.

Prossimamente ti parlerò di una procedura importantissima che con l’automazione viene effettuata a regola d’arte.